Perché alcuni pazienti soffrono di conati di vomito dal dentista?

I conati di vomito, chiamati in gergo riflesso faringeo, sono un meccanismo protettivo che impedisce a corpi estranei di entrare nella gola e nelle vie respiratorie.

Il riflesso del vomito si attiva quando qualcosa tocca la parte posteriore della gola, il palato, la lingua o le aree dell’ugola. I tessuti si restringono nella parte posteriore della bocca, provocando i conati.

In breve i muscoli si contraggono in modo incontrollabile mentre il corpo cerca di allontanare gli oggetti estranei dalle vie aeree.

Durante una visita specialistica odontoiatrica il dentista deve inserire alcuni strumenti nella bocca del paziente, come lo specillo e lo specchietto, per esaminare i denti e la loro situazione, o anche il supporto per prendere le impronte dentali con la speciale pasta morbida.

Se da una parte è un fenomeno più che naturale, che si verifica in tutti, dall’altra in alcuni pazienti questo riflesso è esagerato e può rendere difficile se non addirittura impossibile ricevere le cure dentali.

Cosa provoca i conati di vomito dal dentista?

Nel caso specifico dell’odontoiatria le cause del riflesso faringeo possono essere di natura psicologica, fisiologica o dovute a entrambe.

Non possiamo trascurare le cause psicologiche, dovute a esperienze traumatiche precedenti. In questo caso il paziente, durante la visita dentistica, rivive quell’esperienza, anche inconsciamente, e ansia, generica paura del dentista e apprensione innescano i conati di vomito.

È quindi chiaro come sia impossibile o difficoltoso per molti pazienti ricevere i trattamenti odontoiatrici di cui hanno bisogno e per i dentisti apportare le cure dentali a quei pazienti.

Come evitare i conati di vomito dal dentista?

Per affrontare ogni problema della cavità orale ci sono soluzioni tecniche e soluzioni più empiriche. Qui voglio darti alcuni consigli che puoi seguire da te e altri che puoi richiedere al tuo odontoiatra.

Evitare i conati di vomito: metodi del paziente

  • Parla con il dentista. Molti pazienti non comunicano le proprie paure all’odontoiatra e questo non aiuta né paziente né dentista. Non lasciare che il tuo riflesso faringeo ti impedisca di fissare un appuntamento dal dentista.
  • Respira attraverso il naso. Controllare la respirazione è un’azione che va fatta sempre, ma se soffri di riflesso faringeo dal dentista, respirare profondamente attraverso il naso può aiutarti a superare il problema.
  • Usa un decongestionante prima dell’appuntamento dal dentista.
  • Prova a distrarti. Allontana la mente da ciò che sta succedendo nella tua bocca. Molti studi odontoiatrici dispongono di televisori per intrattenere le persone mentre si sottopongono a interventi dentistici, per esempio. O puoi ascoltare musica.

Evitare i conati di vomito: metodi del dentista

  • Spray anestetizzante. È un prodotto che può alleviare temporaneamente il riflesso del vomito. Usato immediatamente prima del trattamento provoca l’intorpidimento della gola, impedendo così i conati di vomito durante le cure dentali.
  • Sedazione. Il protossido d’azoto (gas esilarante), la sedazione orale e la sedazione endovenosa endovenosa in presenza dell’anestesista, sono tre opzioni che permettono al dentista di eseguire un lavoro di qualità senza alcun disagio da parte del paziente.
  • Parlare al paziente. Molti dentisti riescono a lavorare chiacchierando col paziente: è un modo usato sia per distrarli sia per tranquillizzarli. È anche utile spiegare al paziente il procedimento.

Nello studio dentistico del professor Livio Gallottini viene praticata la sedazione per via endovenosa, una tecnica molto richiesta dai pazienti che soffrono di questo spiacevole disturbo.